Parroco tuttofare

0

Ho un parroco adorabile, generoso, non si ferma mai, il suo tempo è tutto per gli altri. Ma c’è un “ma”. Fatica enormemente a delegare, a far fare agli altri. Quando si trova a dover scegliere fra l’incaricare qualcuno e il fare lui, sceglie sempre di fare lui. Questo conferma la sua generosità, ma anche una certa idea, diciamo così, clericale di Chiesa. Che cosa pensi di questo “peccato per eccesso” (così lo vedo io) del mio parroco? Tu monaca non avresti qualche suggerimento da dare, qualche spunto di spiritualità del pastore? Non so se il mio parroco troverà il tempo per leggerti. Ma ci penserò io a fargli avere quello che eventualmente tu gli vorrai dire. 

Giorgio

Il profilo del parroco che tu descrivi, carissimo Giorgio, parla tra le righe di riconoscenza e stima, tratti belli, per nulla scontati. Il limite che però evidenzi nella sua fatica a delegare, esprime un aspetto ancora presente nelle nostre parrocchie: il clericalismo. La nostra Chiesa di Bergamo, insieme a molti altri, ha il dono di avere molti sacerdoti formati ad essere pastori e guide nelle comunità. La realtà della Chiesa quale popolo di Dio, il ruolo dei laici e la loro valorizzazione, sono aspetti già presenti ma che debbono, forse, essere maggiormente compresi e incarnati nella vita. I processi di cambiamento esigono tempo e riflessione, scelte concrete e verificabili. Occorre costruire un tessuto comunitario di fiducia, di dialogo tra sacerdoti, laici e religiosi, formarsi alla responsabilità e alla corresponsabilità, a una comunione che comprende e armonizza le diversità di doni e carismi a servizio del Vangelo e dei fedeli. Impegno che esige fedeltà e perseveranza, capacità di portare le proprie e altrui povertà e fragilità. Molto è stato fatto, ma occorre camminare decisamente in questa direzione.

STILE DI SERVIZIO EVANGELICO

Il laicato cristiano va formato secondo diversi livelli e competenze, dentro un orizzonte di vita personale di fede vissuta, celebrata e testimoniata. Compito dei pastori è quello di essere uomini di preghiera, ministri della Parola e dei Sacramenti; di annunciare, promuovere, animare, comporre in unità le diverse anime presenti nelle comunità per una trasparenza di vita e una più incisiva missionarietà. Ma i laici devono lasciarsi evangelizzare e formare: essere adulti affidabili e fidati, discreti, collaboratori del ministero sacerdotale con uno spirito di autentica fraternità. Devono essere donne e uomini che hanno fatto proprio lo stile del servizio di Gesù, che rifuggono ogni logica di potere e di ricerca di prestigio personale o di gruppo. Le rivendicazioni, i piccoli spazi di potere nei gruppi, negli oratori, negli organismi pastorali, le esclusioni … offuscano la bellezza della realtà ecclesiale, rallentano il cammino e l’edificazione della comunione, del volto di Cristo che vuole tutti una cosa sola in Lui. Occorre appassionarsi e amare non il proprio ruolo all’interno delle comunità cristiane, ma la comunità cristiana come luogo concreto in cui imparare a vivere una autentica esperienza di umanizzazione e di fede.

MISERICORDIOSI VERSO LE DEBOLEZZE

È la Chiesa che mi è stata donata perché, anche attraverso il mio contributo, possa risplendere la bellezza del Vangelo. Occorre farsi fratelli e sorelle dei nostri pastori,custodi della loro vocazione e del loro servizio, misericordiosi delle loro debolezze, prossimi e vicini del loro ministero. Nella consapevolezza che il Signore ha dato questo tesoro in vasi di creta: vasi fragili che siamo noi, i sacerdoti, i laici … perché risplenda nella fragilità e debolezza,la sua potenza e la sua forza. E tutto sia, non per la nostra, ma per la gloria di Dio.

Share.

Lascia un commento