Ebola, emergenza umanitaria: un seminario Caritas per andare «Oltre la paura»

0

«L’epidemia di ebola che si è abbattuta su alcuni Paesi dell’Africa è un triste richiamo alla fragilità e all’arretratezza dei sistemi sanitari del continente» spiega Amref, organizzazione che promuove da oggi fino al 26 novembre una conferenza internazionale in Kenya su «Cambiamenti sostenibili per la salute in Africa». Dalle agenzie arriva intanto la notizia del primo contagio italiano, un medico risultato positivo al virus in Sierra Leone. La notizia è arrivata da Emergency, il medico sarà trasferito all’ospedale Spallanzani di Roma. Dal ministero della Salute notizie rassicuranti: «Mi sento di rassicurare la famiglia che il nostro medico sta bene, non ha avuto febbre o altri sintomi durante la notte, ha fatto colazione e continua a bere in maniera autonoma – ha riferito il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin – Esprimo la mia vicinanza a lui e alla famiglia e assicuro che il governo italiano tutto è al fianco del nostro connazionale». «Non siamo allarmati. Il collega contagiato dal virus Ebola in Sierra Leone è stato assistito sin dai primissimi sintomi e seguiamo rigidissime procedure di sicurezza – ha detto Cecilia Strada, presidente di Emergency – L’assistenza è stata immediata. Il collega sta bene, i sintomi sono allo stadio iniziale». Il volontario si trovava nel Paese dal 18 ottobre nello staff composto da 33 persone, di cui circa 26 italiani. In Sierra Leone la situazione è drammatica: ci sono oltre 100 nuovi casi di Ebola ogni giorno. La malattia fa paura, e se ne parla anche a Bergamo: mercoledì 26 novembre alle 17.30 nella Sala Nembrini della Casa Del Giovane (via Gavazzeni, 13 – Bergamo) si terrà il seminario “Ebola: oltre la paura” organizzato dalla Caritas diocesana Bergamasca. «Sono già migliaia le vittime dell’epidemia di ebola – sottolinea la Caritas – che non si configura più solo come una questione sanitaria, ma anche come un’emergenza umanitaria. Colpiti pesantemente e in modo particolare tre dei paesi più poveri del mondo: Guinea Conakry, Sierra Leone e Liberia, con casi registrati anche in Nigeria, Senegal e Repubblica Democratica del Congo». Durante il seminario della Caritas di Bergamo si potrà avere un quadro della situazione, approfondire gli aspetti sanitari e le misure che la rete Caritas sta mettendo in atto, con la guida di alcuni esperti: Roberto Moretti, medico specialista in medicina tropicale e Moira Monacelli, operatrice della Caritas Italiana in Africa occidentale. Sarà presentata anche una Docu-testimonianza sulle suore Poverelle morte di ebola nella Repubblica Democratica del Congo nel 2005. Modera l’incontro Elena Catalfamo, della redazione Esteri de L’Eco di Bergamo.

Share.

Lascia un commento