Assisi, la storia continua: il 6 gennaio un incontro per i 600 pellegrini

0

Ad Assisi l’estate scorsa è iniziata una bella storia: un percorso d’amicizia e di fede che continua adesso negli oratori bergamaschi. Oltre seicento pellegrini, per la maggior parte giovani tra i venti e i trent’anni, si sono impegnati in un cammino lungo e faticoso, accompagnati dal vescovo Francesco, dal direttore dell’Upee (Ufficio diocesano per la pastorale dell’età evolutiva) e dai curati degli oratori. 135 chilometri da Assisi a Roma, percorsi in 6 giorni. E alla fine l’emozione del saluto del Papa in piazza San Pietro e poi di un’udienza privata. Dopo il viaggio sono arrivati tanti racconti: la testimonianza che non si è trattato di un viaggio come gli altri, ma di un’esperienza profonda, che nei cuori dei partecipanti ha lasciato un seme, che si è tradotto in nuovi legami, nuovi incontri, nuovi approfondimenti di fede. “Sono passati alcuni mesi dall’esperienza estiva del Pellegrinaggio diocesano che ci ha condotto a Roma insieme al Vescovo Francesco – scrive ora don Emanuele ai pellegrini -. Una bellissima esperienza per la Chiesa giovane di Bergamo. Abbiamo cercato di racchiudere le emozioni e i volti di questa grande avventura in un book fotografico, che vorremmo distribuire a tutti i pellegrini in un’occasione un po’ speciale. Ci ritroveremo, infatti, tutti insieme presso la Cattedrale di Bergamo in Città Alta Martedì 6 Gennaio alle ore 18. Celebreremo l’Eucarestia, la Messa sarà presieduta dal Vescovo, e al termine distribuiremo a tutti i pellegrini presenti una copia del book. All’esterno, poi, ci sarà un piccolo momento conviviale organizzato dai nostri mitici Alpini”.
Per partecipare, alcune indicazioni importanti: è necessario segnalare la presenza e il numero dei partecipanti per la propria parrocchia a upee@curia.bergamo.it entro martedì 23 dicembre (per facilitare l’organizzazione).
Città Alta è chiusa al traffico dalle 14 fino alle 19: è quindi consigliato usare i mezzi pubblici per arrivare in piazza Vecchia. 

Share.

Lascia un commento