A Brembate Sotto ecco il CreS. Tutti all’oratorio anche a settembre: perché per stare insieme l’estate non basta

0

Dove sta scritto che il Cre deve per forza limitarsi ai caldissimi giorni di piena estate? Perché solo quattro settimane, chiudendo tutto a Luglio? L’oratorio di Brembate Sotto non ci sta! Anzi, il Cre piace talmente tanto ai bambini e agli adolescenti – e anche ai genitori a dire il vero – da dare vita ad una nuova incredibile settimana di Cre. E quando se non i giorni prima dell’inizio della scuola; nell’aria si respira già un po’ di nostalgia per la fine dell’estate, ma non manca di certo la voglia di godersi gli ultimi giorni di vacanza. Tranquilli, ci pensa il CreS, il Centro Ricreativo Estivo Settembrino, che ha dato il via lunedì 31 agosto a cinque giorni di giochi e laboratori aperti ai bambini della parrocchia di Brembate. Al loro fianco, i fedelissimi e immancabili animatori.
«A seguito dell’esperienza dell’anno scorso di soli tre pomeriggi abbiamo scelto di riproporre il Cre di settembre anche quest’anno, estendendo il numero di giorni – spiega don Daniele della parrocchia di Brembate -. L’anno scorso è andata molto bene, perché non replicare?»
Il CreS non solo offre un momento di svago per i ragazzi, per accompagnarli in modo più dolce e spensierato all’inizio della scuola, ma come ha sottolineato don Daniele è un importante momento di aggregazione. In questo modo i ragazzi concludono le vacanze trascorrendo del tempo insieme, invece di rimanere a casa soli, fatto sicuramente non apprezzato dalle mamme. Non solo: anche per gli animatori il CreS è un’opportunità, tanto che il numero di volontari che ha fatto richiesta di partecipazione è aumentato dall’anno scorso. I giorni prima dell’inizio della scuola sono i più movimentati per gli adolescenti: si corre per terminare i compiti estivi, a volte bisogna affrontare gli esami di riparazione, ricominciano gli allenamenti, insomma, sono giorni di preparazione ai mesi futuri. Nonostante ciò al CreS non si rinuncia, anzi, con un po’ di organizzazione e la voglia di mettersi in gioco, conciliare l’animazione e gli impegni è possibile.
«Il numero di bambini che lunedì 31 agosto ha varcato i cancelli dell’oratorio – continua sempre don Daniele – non può essere paragonato a quelli da capogiro del classico Cre di Luglio». Si parla, tra animatori e ragazzi, di un centinaio di persone, rispetto alle 300 che affollano le giornate estive. Eppure è proprio grazie a questi numeri ristretti che è possibile svolgere attività differenti rispetto a quelle proposte durante le classiche settimane estive. «Gli animatori hanno scelto di dare più spazio ai giochi rispetto ai laboratori, proponendo momento di vero svago e divertimento; sempre grazie ai numeri ristretti è stata possibile la gita al parco divertimenti di Leolandia, per via della facilità di organizzazione. Un Cre diverso forse, ma fattibilissimo». Giunto già a metà settimana, il CreS a Bonate è nel pieno delle sue attività e le proposte nei prossimi giorni sono interessanti. Si inizia giovedì sera con una serata revival in cui verranno proiettate le foto scattate durante il Cre estivo, per riassaporare i momenti passati insieme. Venerdì invece è in programma la festa di chiusura, una serata di giochi a stand preparati dagli animatori e rivolti ai bambini e alle loro famiglie, una buona occasione per coinvolgere tutti in oratorio.
Ma non finisce qui! L’oratorio di Brembate da giovedì sera fino a domenica sarà coinvolto nei suoi festeggiamenti, una festa bis dopo quella già proposta a giugno. Saranno quattro serate di musica, giochi, tra cui i tanto attesi gonfiabili: perché, come dice l’hashtag, l’oratorio è da vivere, tutto l’anno.

brembatesottocres2

brembatesottocres3

Share.

Lascia un commento