Il Sinodo visto da un parroco: «Vorrei che la Chiesa riaffermasse la bellezza del matrimonio»

0

Il sinodo sulla famiglia è iniziato. Il tam tam mediatico, in modo corretto, provocatorio o ironico pure. Ma quali sono le aspettative concrete e vere di chi vive nel quotidiano dentro una parrocchia? È questa la domanda non tanto stare a vedere come la Chiesa se la cava nel rispondere ad alcune tematiche delicate. Provo a dire che cosa mi aspetterei io che sono un parroco.

Primo: vorrei che il Sinodo mi aiutasse a guardare alla relazione tra uomo e donna come buona. In pratica mi piacerebbe che la Chiesa riaffermasse il valore e la bellezza del matrimonio cristiano come un valore valido ancora oggi per gli uomini e le donne del nostro secolo. In questi tempi forse si è guardato, comprensibilmente, al matrimonio più come ad una realtà in crisi, alle sue fragilità, quasi fosse ritenuto già in partenza un “sacramento” costituzionalmente di salute cagionevole.

Secondo: desidererei che dal Sinodo nascessero indicazioni educative più significative riguardo l’accompagnamento dei giovani verso la scelta della vita matrimoniale e un suo proseguimento nei primi anni dopo la sua celebrazione. E che fosse insieme soprattutto un cammino di crescita umana e di fede più che ad una preparazione “tecnico-specifica” al sacramento.

Terzo: mi piacerebbe offrisse spunti e criteri pastorali che mi permettessero di discernere, nell’ascolto delle diverse storie personali e di vita famigliare, sia problematiche o no, i semi di umanità e Vangelo già in atto al fine di coltivarli e permetterne un buon radicamento ed una robusta crescita.

Quarto ed ultimo mi piacerebbe cosa buona si mettesse in luce che l’Eucaristia, non venga considerata nella prospettiva di un esserne degno o di un diritto che mi spetta, del premio o del castigo qualora non potessi riceverla, ma come un dono che sostiene e stimola l’impegno serio ad amare in virtù di un amore più grande che passa anche dentro la Croce e necessita sempre una conversione fatta di piccoli passi e gesti concreti.

Il Sinodo prosegue, lasceremo che papa Francesco, i padri sinodali e tutti quelli coinvolti con loro si lascino guidare dallo Spirito Santo verso ciò che sarà bene per la vita della Chiesa. Noi intanto li accompagniamo con la preghiera.

Share.

Lascia un commento