Alla Gamec Malevič e il Suprematismo: la mostra prorogata fino al 24 gennaio. Visite anche in notturna

0

L’esposizione che celebra alla GAMeC di Bergamo il genio di Kazimir Malevič, nel centenario della nascita del Suprematismo, viene prorogata fino al 24 gennaio 2016. E nell’ultimo weekend orari di visita prolungati, il venerdì e sabato, fino alla mezzanotte. La decisione è stata presa a seguito del successo di pubblico della mostra che alla GAMeC di Bergamo ricorda, nel centesimo anniversario dalla prima esposizione di opere suprematiste, l’estro di Kazimir Malevič. I ritardatari hanno dunque a disposizione ancora qualche giorno per ammirare l’esposizione, che comprende opere di rilievo, che hanno segnato un punto di svolta per la formulazione del linguaggio astratto.
Alla proroga si aggiunge la scelta di prolungare nel corso del suo ultimo fine settimana l’orario di apertura della mostra. Venerdì 22 e sabato 23 gennaio l’esposizione resterà quindi aperta con orario continuato dalle 9 alle 24; confermato invece per giovedì 21 gennaio il consueto orario prolungato alle 22.
Proseguono intanto le iniziative culturali che animano l’intera città in occasione della mostra. Oggi pomeriggio, venerdì 15 gennaio alle 17,30, l’Auditorium di Piazza Libertà (angolo via Norberto Duzioni, 2 – ingresso 4 euro) ospita la proiezione del film Chagall – Malevič, biopic diretto da Alexander Mitta ed uscito nelle sale nel 2014, mostrato al pubblico italiano solo nel contesto del Milano Film Festival di quell’anno. Il film ricostruisce in forma di fiction il rapporto di divergenza, ma anche di complementarietà, tra i due artisti, che incrociano le proprie esperienze creative e le proprie vicende biografiche sullo sfondo della Russia della rivoluzione sovietica. L’evento viene introdotto da una conversazione tra Luigi Di Corato – Direttore della Fondazione Brescia Musei e Giacinto Di Pietrantonio – Direttore della GAMeC, rafforzando così il rapporto di dialogo tra la mostra bergamasca e quella che porta fino al 15 febbraio, al Museo di Santa Giulia di Brescia, l’arte di Chagall.
Domenica 17 gennaio alle 17, lo Spazio ParolaImmagine della GAMeC ospiterà una conversazione tra Donato Di Gaetano – Fondatore dell’Opificium ArteVino Tor De’ Falchi di Minervino Murge e Giacinto Di Pietrantonio – Direttore GAMeC. Al centro dell’incontro il parallelo, tutt’altro che ardito, tra lo spirito avanguardista di Malevic e le sperimentazioni che Di Donato conduce nel campo dell’enologia, proponendo un approccio critico analogo tra la sfera dell’arte contemporanea e quella del mondo del vino. Seguirà la presentazione del DVD prodotto in occasione della prima parte dell’evento La nascita del Suprematismo: un tributo congiunto a Kazimir Malevič, con cui l’Opificium ArteVino Tor De’ Falchi ha ospitato lo scorso autunno, in anteprima mondiale, Poetics of pure feeling. Un’opera per tromba, percussioni e 12 archi solisti, espressamente dedicata all’artista composta e diretta dal Salvatore Sica in occasione del centenario della nascita del Suprematismo, ed seguita dall’Ensemble Kazimir Severinovich Malevič. A conclusione  dell’incontro, sarà proclamato il progetto vincitore di ETIKETTOVIČ!, iniziativa promossa dai Servizi Educativi della GAMeC e rivolta agli studenti di tre istituti superiori della città di Bergamo, a cui è stato chiesto di realizzare un’etichetta “suprematista” ispirata all’arte di Malevič e alla retrospettiva in corso. La mostra MALEVIČ è curata da Evgenija Petrova – Vice Direttore del Museo Russo di Stato di San Pietroburgo, e Giacinto Di Pietrantonio – Direttore della GAMeC di Bergamo, coprodotta dalla GAMeC e da GAmm – Giunti Arte mostre musei, in collaborazione con il Museo Russo di Stato di San Pietroburgo. In mostra ci sono 50 opere di Malevič accanto a un nutrito corpus di lavori di importanti esponenti russi, appartenenti ai movimenti artistici di inizio Novecento, oltre a documenti e filmati relativi al periodo storico di riferimento. Proponendo, inoltre, il video della riedizione dello spettacolo Vittoria sul Sole, prima opera totale di musica, arte, poesia e teatro, creata da Malevič con Michail Matjušin e Aleksej Kručënych.

Share.

Lascia un commento