“Per mio figlio”: un ragazzo ucciso da un’auto pirata e una madre in cerca di vendetta

0

Il figlio di Diane Kramer è stato travolto e lasciato morire sulla strada da un’auto pirata. Lei non si dà pace e, affiancata da un detective, segretamente va in cerca della verità. Ricompone i cocci di un’assenza “Per mio figlio” di Frédéric Mermoud, tratto dal romanzo di Tatiana de Rosnay (a Bergamo in questi giorni al cinema Conca Verde). Fino a che punto possono spingersi il dolore di una madre e il desiderio di vendetta? Si chiede il regista, costruendo un thriller psicologico sullo sfondo di una cittadina di provincia, in montagna, sul confine tra Francia e Svizzera. Diane (interpretata con grande intensità da Emmanuelle Devos) può aggrapparsi a un solo indizio: una Mercedes color caffè (il titolo originale è “Moka”) che un testimone ha visto sulla scena dell’incidente. Alla guida – riferisce l’investigatore – una donna bionda, con un uomo accanto, sul sedile del passeggero.

Diane trova Michel, insegnante di nuoto, e la sua compagna, la bionda estetista Marlène (un’ottima Nathalie Baye), e scopre che lui sta cercando di liberarsi dell’auto – la Mercedes color caffè – vendendola a un prezzo stracciato. E’ solo istinto, all’inizio, ma si sente vicina alla verità. Così incomincia ad addentrarsi nella vita della cittadina, e fingendosi scrittrice spinge le sue domande oltre il confine di una educata cortesia.

La sceneggiatura scarna, il lirismo dei paesaggi, la lentezza insistita delle inquadrature, i silenzi: tutto concorre a creare un’atmosfera rarefatta, che ci ricorda quella di una tragedia greca. Ci sembra, per dire, a un certo punto, di trovarci nel bel mezzo dell’Orestea di Eschilo, a ragionare sul senso della colpa e sull’ineluttabilità dell’espiazione.

Al centro del film c’è soprattutto il confronto tra due madri, Diane e Marléne, la difficoltà di sciogliere conflitti irrisolti, di ritrovare parole non dette e rapporti interrotti – se non dalla morte – dall’incapacità di comunicare. Diane è indotta dalla sua ricerca a guardarsi dentro, a chiedersi dove vuole davvero arrivare. Impara a usare una pistola, ma alla fine – trovati i colpevoli – vorrà davvero premere il grilletto? Il suo bisogno di scoprire come sono andate veramente le cose e la sua ostinazione – riusciamo a capirlo meglio man mano che il film procede – non sono legate semplicemente alla morte del figlio, ma alla sua identità di madre e di donna, alle sue insicurezze, al suo rapporto con la realtà e con la vita. Scoprirà – e noi spettatori con lei – che non è la vendetta quello che le serve davvero per ritrovare la pace, la gioia di vivere, la speranza per il futuro, ma la capacità di perdonare, prima di tutto se stessa.

Share.

Lascia un commento