L’Evolution Camp: due giorni a Trieste con l’Associazione Volontariato Valle Seriana

0

Due giorni a Trieste si possono vivere con chiunque, ma in una città dai mille volti come la capitale del caffè, è impossibile non accettare un invito come quello di trascorrere un weekend con i ragazzi dell’Evolution Camp. E’ bastato un tempo tutto sommato ristretto in questa città affascinante per scoprire gli intrighi di corte degli Asburgo-Lorena, i lunghi tempi triestini, il caffè più buono d’Italia e la carenza d’affetto che la statua di Italo Svevo prova ogni giorno finché uno dei ragazzi non ha deciso di salirgli sulle spalle. In questa gita fuori porta ho potuto toccare con mano cosa possa significare vivere un’esperienza del genere. Sono rimasta sorpresa sia dall’accoglienza del gruppo sia dal clima d’amicizia che si respirava e ciò che non scorderò mai saranno le passeggiate per la città accompagnate dalle chiacchierate con i ragazzi e i volontari che hanno arricchito di risate e pensieri due giorni indimenticabili.

L’Evolution Camp è uno dei campi dell’Associazione Volontariato Valle Seriana (AVVS) che svolge un compito impegnativo e fondamentale sin dalla sua nascita a metà degli anni Settanta nell’oratorio di Gazzaniga: proporre un’alternativa ai ragazzi diversamente abili organizzando attività, uscite e campi vacanza per poter garantire l’interazione sociale a questi ragazzi. Nel 1983 l’AVVS è stata legalmente riconosciuta come associazione e nel 1988 inserita nel registro regionale del volontario della regione Lombardia. Nella vita di ciascuno di noi esistono cambiamenti inevitabili dettati dalla crescita e dallo scorrere del tempo. I passaggi da una scuola all’altra fino al mondo del lavoro contribuiscono a renderci autonomi e a creare la nostra rete sociale. Procede tutto nella normalità, ma non per tutti purtroppo. Un ragazzo diversamente abile, infatti, corre sempre il rischio di non riuscire a interagire con i suoi coetanei stabilendo un rapporto di amicizia alla pari nel quale ciascuno si metta in gioco e metta a disposizione dell’altro le proprie qualità. E’ proprio questo quello che l’Associazione Volontariato Valle Seriana cerca di attuare con i suoi cinque gruppi che offrono a ragazzi con disabilità la possibilità di avere momenti di svago, di trascorrere serate in compagnia o di fare una vacanza fra amici. Uno di questi cinque gruppi è proprio l’Evolution Camp. Evolution Camp nasce circa due anni e mezzo fa grazie alla volontà di semplici persone che si sono messe in gioco e hanno messo a disposizione gratuitamente le loro energie e il loro tempo. Le attività organizzate e svolte da questo gruppo hanno luogo indicativamente ogni mese e sono occasioni in cui volontari e ragazzi non solo possono divertirsi insieme, ma anche stringere dei rapporti d’amicizia molto saldi. Il bisogno di affetto da parte dei diversamente abili è molto forte e sentito perciò si tendono a creare sin da subito stretti legami affettivi tra di loro, ma soprattutto con i volontari che in questo gruppo sono dei veri e propri amici con cui scherzare e ridere a volontà. La possibilità di relazionarsi con persone poste sullo stesso piano non è un evento quotidiano per questi ragazzi abituati alle figure degli educatori e degli assistenti. Le uscite e i weekend che i volontari, insieme ai ragazzi, organizzano sono occasioni di puro divertimento e svago: non importa se si tratti di mangiare una pizza o bere un caffè al bar degli specchi di Trieste, l’importante a passare del tempo insieme. Il calendario dell’Evolution Camp è sempre ricco di appuntamenti tra cui non possono mancare una vacanza al mare e i festeggiamenti del nuovo anno. Chiunque volesse partecipare a queste attività come volontario è ben accetto. Non serve avere dei requisiti speciali, ma solo tanta voglia di fare amicizia, mettersi in gioco e impegnarsi. Potete vedere tutte le loro attività documentate passo passo sulla loro pagina Facebook “AVVS – Evolution CAMP” e “AVVS – Associazione Volontariato Valle Seriana”, e trovare tutte le informazioni sul loro sito internet. Non esitate a farvi avanti, non potete perdere un’esperienza del genere: provare per credere!

 

Share.

Lascia un commento