Non dormono per mesi, decifrano qualsiasi tipo di pianto: le mamme hanno i superpoteri

0

Diventando mamma scopri di te stessa cose che mai avresti immaginato. Ad esempio che puoi sopravvivere per mesi anche senza dormire. Oppure che puoi capire da una semplice sfumatura del pianto ciò di cui tuo figlio in quel momento ha bisogno. Sì, insomma, si acquistano superpoteri, che chiaramente non dureranno in eterno. Ma che nell’immediato fanno parecchio. Così tu, che proprio non sapevi cucinare, impari in poco tempo a preparare pappe sanissime e deliziose, che negli anni diventeranno polpette capaci di far magicamente scomparire le verdure, pastasciutte di legumi, farifrittate saporite.

Il giorno prima di partorire ti chiedevi come avresti fatto ad affrontare tutto. Il giorno dopo ne sei capacissima in modo innato, senza dover studiare nulla, solo con mille consigli nella testa. Quelli che ti hanno dato tua madre e le amiche, ma che il più delle volte non metterai in pratica, facendo di testa tua.

Certo, prima o poi anche l’incanto scompare. La pazienza, che credevi di possedere in dosi infinite, giunge a un limite. Così ogni tanto, giunti al decimo minuto di continui “mamma mamma mamma”, scappi un attimo in bagno a urlare prima di tornare sorridente dai tuoi figli. Oppure al parco giochi cerchi di mimetizzarti dietro a un albero nella speranza che i tuoi bimbi si dimentichino di te e si divertano per i fatti loro. E arrivi anche a gioire, quando tornano a scuola dopo una settimana di vacanza passata con te 24 ore su 24.

Ci sono giornate, soprattutto nei primissimi mesi, quando sono piccoli piccoli e dipendono in tutto da te, che sono davvero pesanti. A volte ti senti sola, altre volte vorresti poterti prendere una vacanza da tutto e da tutti. Ma poi passa. E resta il bello. Il bello di sapere che i tuoi superpoteri ti hanno resa una donna più forte, più matura, capace di prendersi cura degli altri, di coccolarli, di crescerli. Quando incontri altre mamme con bambini più grandi ti senti dire “forza cara, il peggio deve ancora venire”.

No, io non credo. I ragazzi crescono, i problemi aumentano, ma tutto si affronta. Anche i superpoteri si evolvono. Sono i primi mesi da mamma a forgiare, a creare una corazza (quasi) indistruttibile, a far scoprire l’amore immenso, la paura della perdita, il senso di colpa, la gioia infinita per le piccole cose. Le prime parole, i primi passi, l’asilo. Ogni tappa è una conquista. Ogni volta tu, come mamma, ti rimetti in discussione e ti prepari ad affrontare sfide nuove. La sera, dopo tutto il delirio vissuto durante il giorno, metti a letto i tuoi bimbi, rimbocchi le coperte, li baci e pensi che siano fantastici. Sono bambini. Vivaci, pieni d’energia, sani, felici. Cosa voler di più?! Beh sì, magari giusto che dormano tutta la notte…ma domani sarà una nuova, avventurosa giornata. Tutta da vivere, per mamme e bambini.

Share.

Lascia un commento