Amoris Laetitia, gli orientamenti del vescovo Francesco. Accompagnare, discernere e integrare: «Il Vangelo va annunciato a tutti»

0

A novembre saranno comunicati i nomi dei sacerdoti incaricati di accompagnare le famiglie in situazioni in difficoltà, cioè separati, divorziati e risposati, seguendone il discernimento e l’integrazione nelle comunità cristiane. Lo ha annunciato il vescovo Francesco Beschi durante l’incontro, nei giorni scorsi nella sede del Paradiso, con il gruppo La Casa, che segue spiritualmente queste persone. A questi sacerdoti potranno rivolgersi le persone singole, le guide spirituali e i parroci. L’incontro è stato organizzato per illustrare nei dettagli e nei contenuti gli «Orientamenti» del vescovo per la nostra diocesi dopo la pubblicazione dell’esortazione apostolica «Amoris Laetitia» di Papa Francesco, non essendoci ancora i pronunciamenti sul tema da parte delle Conferenze episcopali italiana e della Lombardia. «Gli Orientamenti diocesani erano molto attesi e sono destinati anche a tutti i giovani che vogliono costruire una famiglia — ha detto don Edoardo Algeri, direttore dell’Ufficio diocesano pastorale della famiglia, aprendo l’incontro —. Noi amiamo la famiglia, che ha tanti talenti, e non ci uniamo ai troppi cori della società che vedono soltanto difficoltà, litigi e screzi nella famiglia». «Gli Orientamenti sono scanditi da tre verbi: accompagnare, discernere, integrare», ha aggiunto monsignor Eugenio Zanetti, responsabile del gruppo La Casa, sintetizzando il percorso degli Orientamenti. Il diacono permanente Oliviero Dal Molin ha invece presentato i passi che parlano del primo avvicinamento, ricordando a proposito anche l’apertura di due centri di primo ascolto a Stezzano e Ardesio.
È seguito l’intervento del vescovo. «Molto si è detto e scritto sulla “Amoris Laetitia”, dimenticando che è frutto delle riflessioni sinodali ed è espressione di grande portata del magistero pontificio. L’“Amoris Laetitia” parla di amore nella famiglia ed è destinata a tutti, non soltanto a separati e divorziati. il Vangelo va annunciato a ogni persona e a ogni esperienza umana, che sono così aperte a quella speranza generata dal Vangelo: è questo il modo con cui io leggo l’“Amoris Laetitia”». Il vescovo ha quindi indicato tre «segmenti» con cui leggere e applicare gli Orientamenti diocesani. Il primo è il cambiamento. «Il Vangelo non cambia, ma cambia la storia e l’incarnazione del Vangelo. Anche la famiglia cristiana non è più quella dei tempi, pur affascinanti, dell’“Albero degli zoccoli”. Perciò non idealizziamo il tempo passato, ma lasciamoci provocare lo Spirito per testimoniare il Vangelo nel nostro oggi». Il secondo segmento è la comunità cristiana come soggetto dell’agire verso la famiglia. «Ogni persona, famiglia o gruppo possono leggere il testo dal loro punto di vista, ma devono ricordare che il soggetto è l’intera comunità cristiana che si prende cura delle situazioni della famiglia. Non dobbiamo impalcarci a giudici, oppure essere indifferenti o superficiali. Queste persone e famiglie non cercano misericordia facile o preti con l’assoluzione di manica larga».
Il terzo segmento è la meraviglia delle relazioni. «Non è poesia o psicologia, ma è la caratteristica della vita — ha aggiunto il vescovo. Anche l’amicizia è una forma di relazioni d’amore». Il vescovo ha accennato anche a un tema emergente. «Oggi anche le relazioni omosessuali interpellano il mondo e anche la comunità cristiana. Cosa dire a queste persone? Già nei contributi inviati per il Sinodo dei giovani del prossimo anno su giovani, emerge che non si può affrontare l’argomento giovani e amore prescindendo dalla sessualità».

Share.

Nessun commento

  1. silvana messori on

    Il “peccato”: cosa è peccato agli occhi di Dio è la vera sfida dell’intera umanità! Siamo molto abituati a vedere con gli occhi di chi giudica e colpevolizza, mentre agli occhi di Dio quello che noi reputiamo una forma corretta dell’interpretazione Evangelica, non dovrebbero trovare le rive opposte di chi “giudica” e di chi viene giudicato nel porti davanti il tuo peccato,… ma una sola via da percorrere… che è dentro di te e che per mezzo di Lui ed il Suo Vangelo, “tu” e solo tu, puoi porre rimedio. La Chiesa ha percorso tempi non maturi per “aprire” le pagine piene di parole ma che non sanno d’Amore, della consapevolezza e nella responsabilità, del propri desideri ritenuti “peccati” e finiti col travolgere ogni senso che Dio ha programmato per gli uomini, a dispetto dei “rigidi libri dei “no” per arrivare ai cuori degli uomini in piena libertà ed aspettando un loro sì, e.. senza “sensi di colpa” ma liberati da ogni “peccato”

Lascia un commento