Longuelo, un pellegrinaggio per ascoltare i giovani: «Là dove loro scelgono»

0

Dedichiamo il dossier di questa settimana ad alcune iniziative significative promosse dalle parrocchie della diocesi di Bergamo per la Quaresima. Se volete raccontare cosa accade nelle vostre comunità scriveteci, aspettiamo le vostre segnalazioni.

La comunità degli adulti quest’anno ha deciso di mettersi in ascolto dei giovani, andando a trovarli. Il pellegrinaggio-cammino di metà Quaresima, organizzato dalla parrocchia di Longuelo, consiste in una visita in alcuni luoghi significativi della città, dove i giovani stanno provando a fare alcune scelte significative in tema di lavoro e di volontariato. Nella giornata di domenica 4 marzo, con partenza fissata alle 14 dalla chiesa parrocchiale di Longuelo, il cammino (dal titolo “Là dove loro scelgono”) toccherà tre luoghi-simbolo di altrettante azioni fondamentali per la vita della comunità bergamasca: l’educazione, l’impegno sociale e la cultura. I partecipanti avranno così l’occasione di incontrare i capi scout nella loro sede di Sant’Anna in Borgo Palazzo, i giovani operatori della comunità per minori “Agathà” e “Ali e radici” in via Celestini e i promotori dello spazio culturale “Maite- Città Alta Social Club” e di “ExSa- Ex Carcere  di Sant’Agata”. “Il pellegrinaggio-cammino di metà Quaresima si inserisce in un quadro più ampio- ha spiegato don Massimo Maffioletti, parroco di Longuelo- abbiamo già realizzato infatti una serie di iniziative per metterci in ascolto delle nuove generazioni, come raccomandato anche da Papa Francesco e dalla Diocesi di Bergamo. Durante la veglia di mezzanotte di Natale, ad esempio, abbiamo chiesto a tre giovani di scrivere tre lettere per dare loro modo di raccontare i loro sogni, i loro progetti e come vedono la vita e la società. Abbiamo inoltre tenuto un Consiglio Pastorale all’Edoné in ascolto ai giovani, in un altro abbiamo invitato il Polaresco, importante realtà di aggregazione giovanile del territorio di Longuelo. Durante la Quaresima, inoltre, daremo voce a tre giovani del nostro quartiere che hanno svolto esperienze significative di vita, di lavoro e di volontariato: un ragazzo appena tornato dalla Bolivia, una ragazza coinvolta nel progetto gestito dalla cooperativa sociale FAMille che si occupa di minori e di nuclei monoparentali privi di un ambiente familiare idoneo e infine una ragazza che lavora con don Marco Perrucchini all’interno della cooperativa “Agathà”. Il nostro giornale di comunità ospita spesso articoli e riflessioni dei ragazzi, che ospitiamo sempre volentieri; a ciascun membro del Consiglio Pastorale è stato inoltre chiesto di prendersi a cuore in maniera informale 1-2 giovani dai 19 ai 30 anni, incontrandoli davanti a un thé o un caffé e ponendogli una serie di domande: verso aprile e maggio raccoglieremo il materiale, per fornire uno spaccato del mondo giovanile”. Tante piccole azioni, come ci tiene a sottolineare don Massimo, accomunate da un unico obiettivo: creare le basi affinché la comunità degli adulti si mette ad ascoltare per davvero i giovani. Per iscriversi al cammino è possibile contattare la segreteria della casa parrocchiale al numero 035.402336 oppure scrivere all’indirizzo mail segreteria@parrocchiadilonguelo.it. Il percorso prevede lo spostamento da Longuelo a Borgo Palazzo con i mezzi dell’Atb (ore 13.53), poi a piedi (o sempre con mezzi pubblici) fino in Borgo Santa Caterina (via dei Celestini) e in Città Alta, con rientro a piedi.

Share.

Lascia un commento