Gavarno: mamma, papà e due figli pronti a ricevere il battesimo nella veglia di Pasqua

0

«Siamo nati in Albania, una nazione che si proclamava ufficialmente atea. La Chiesa e il clero erano perseguitati, le campane erano mute. Ora finalmente entriamo anche noi nella grande famiglia cattolica. La nostra gioia è indescrivibile». A parlare è Mine, 36 anni, casalinga, residente nella parrocchia di Gavarno Sant’Antonio di Nembro. Durante la solenne Veglia pasquale del 31 marzo, lei e il marito Rapi, 40 anni, operaio edile, riceveranno i Sacramenti dell’iniziazione cristiana (Battesimo, Cresima, Eucaristia) nella chiesa parrocchiale della frazione (altri catecumeni li riceveranno invece in Cattedrale dal vescovo Francesco Beschi). Ci sarà anche un altro evento bellissimo: insieme a papà e mamma, riceveranno il Battesimo anche la figlia di 11 anni e il figlio di 6.

«Mi sono sposata in Albania ed ero diventata mamma — racconta Mine —. Una decina di anni fa sono giunta in Italia, a Nembro, con mia figlia e poi sono stata raggiunta da mio marito e dall’altro figlio. Da due anni e mezzo abitiamo a Gavarno». La sua famiglia era di religione cristiana, ma fino al crollo dei muri agli inizi degli anni Novanta, in Albania la Chiesa era oppressa e perseguitata. Vescovi e preti, se scoperti, venivano sottoposti a processi farsa e poi giustiziati. «Questi momenti tragici avvenivano quando io e mio marito eravamo molto giovani — prosegue Mine —, ma le nostre famiglie ci hanno raccontato quanto avveniva. Ricordo che, con la caduta del comunismo, i cattolici potevano respirare, le campane suonavano, nelle chiese e nei cimiteri venivano celebrate Messe liberamente. Quanti preti erano riusciti a sopravvivere nonostante le persecuzioni. La prima volta che sentii le campane suonare e potei partecipare alla Messa, soprattutto a quelle solenni di Natale e Pasqua, scoppiai a piangere».

A Gavarno, il desiderio di diventare cristiani riemerse con forza, sia dietro le spinte dei parenti, sia vedendo la testimonianza di fede locale, ma anche la figura di San Papa Giovanni, a cui è dedicata la chiesa parrocchiale. «A Gavarno cominciammo a frequentare la chiesa — aggiunge Mine —, fin quando ci siamo rivolti a monsignor Arturo Bellini per iniziare il cammino. Alla nostra decisione ha contribuito anche la straordinaria e santa figura di Papa Giovanni. Ora siamo vicini al grande passo. Oltre alla gioia di aver concluso il cammino, avremo la gioia di essere circondati dalle nostre famiglie e da altri parenti che ci raggiungeranno direttamente dall’Albania».

In famiglia, chi è il più felice di tutti per questo momento tanto atteso? «È mio figlio di 6 anni — risponde la mamma — che ripete di non vedere l’ora di ricevere il Battesimo e poi di continuare, come tutti i suoi coetanei, il cammino di fede con gli altri Sacramenti della Cresima e dell’Eucaristia. Ma anche la gioia mia e di mio marito è alle stelle, sia perché corona un desiderio tanto atteso, sia perché ci sentiamo inseriti nella grande famiglia dei credenti, con tutti gli impegni che questa scelta comporta».

Carmelo Epis

 

 

Share.

Lascia un commento