Anche in fondo al pozzo della solitudine c’è sempre un cassetto per la speranza

0

In occasione delle feste di Pasqua, vi proponiamo quattro storie bergamasche di resurrezione.

Presi e gettati all’improvviso nel profondo pozzo della solitudine… L’orrore dei muri e dell’isolamento; è solo l’inizio di una notte senza luna e senza stelle, ma soprattutto senza la promessa dell’alba. Poco oltre si può intravvedere soltanto la bruttezza della rassegnazione, si perde ogni spinta, l’indifferenza prende il sopravvento e si finisce per offrire alla morte almeno un tiepido benvenuto. Ti chiedi come mai, se il tempo passa sempre così in fretta, sul lato in ombra della vita, sul versante della tristezza ci sono dei momenti in cui sembra non passare mai, mentre tu ti perdi le ore migliori dei tuoi figli, trascini il tuo carico di contraddizioni, errori e frustrazioni. Per non parlare del futuro, che ti si presenta come un orizzonte carico di dubbi, in cui forse sarai solo un reietto, un esempio da evitare. A forza di sentire dolore dopo aver affrontato il peggio, ti accorgi però di aver percorso una dura vita per sapere che sei ancora vivo. E allora ti poni domande diverse; ti chiedi se i cassetti della felicità nel tuo corpo sono stati completamente svuotati, se ti sono veramente stati portati via tutti i tuoi sogni, tutte le ragioni di vivere, o se sei tu ad essere incapace di trovarle dentro di te. Tempesti i tuoi cari ed il Signore di dubbi, paure, angosce. Loro ti tengono testa con le loro certezze, le loro opinioni sicure, le loro speranze. L’Amore ti fa alzare in piedi, è più forte di tutto, ti permette di non perderti nei momenti in cui credevi di essere smarrito, ti fa capire che la vita non è ciò che ti accade, ma ciò che fai con ciò che ti accade. Scopri infine che c’è acqua pura e sufficiente per lavare qualsiasi macchia da qualsiasi passato. Nella notte più cupa della tua vita realizzi che ogni viaggio è importante e nessuno è impossibile, hai la chance di sentirti in pace, vuoi stare sveglio fino al nuovo sorgere del sole.

Share.

Lascia un commento