Box Organi: suoni e parole d’autore a Lallio. Concerti e letture da Rossini a Debussy

0

Torna Box Organi. Suoni e parole d’autore, la rassegna concertistica nata per valorizzare le potenzialità dell’organo Bossi Urbani 1889 della Chiesa Parrocchiale di Lallio (Bg) e realizzata in collaborazione con la Parrocchia e l’Associazione Libera Musica. Ideata e diretta da Alessandro Bottelli, l’iniziativa si è già fatta notare per l’innovativa caratteristica di miscelare suggestioni del repertorio musicale classico con contaminazioni e riaggiornamenti tematici affidati a jazzisti professionisti, con lettura di racconti a tema organistico creati appositamente da importanti scrittori contemporanei.

La quarta edizione, che prenderà il via sabato 22 settembre alle ore 21, è articolata sul tema degli omaggi. Nel 2018 infatti cadono numerosi anniversari di musicisti di fama internazionale, quali l’italiano Gioachino Rossini, i francesi François Couperin, Charles Gounod e Claude Debussy, gli americani Scott Joplin e Leonard Bernstein. I programmi dei tre concerti saranno incentrati in particolare sull’esecuzione di loro musiche. A partire ovviamente da Gioachino Rossini, al quale è dedicato il recital di inaugurazione. Elisa Teglia, giovane e valente organista bolognese, eseguirà brani del compositore pesarese alternandoli a pagine di Padre Davide da Bergamo (nativo di Zanica, uno dei più rinomati organisti della prima metà dell’Ottocento italiano), alla Sinfonia dalla Forza del destino di Verdi e alla prima esecuzione assoluta di un brano commissionato a Fausto Caporali, organista della Cattedrale di Cremona e già ospite due anni fa della rassegna. Ad Alberto Bonacina, estroso musicista ben noto nell’ambiente bergamasco, è invece stato affidato il compito di elaborare alcuni temi d’organo reinventandoli attraverso le sonorità dei flauti dolci, di cui è sensibile e profondo conoscitore. Da non perdere anche la lettura del nuovo, intenso racconto di Cristiano Cavina.

Il secondo appuntamento, in programma sabato 29 settembre, sempre nella Chiesa Parrocchiale dei SS. Bartolomeo e Stefano, avrà per protagonista Lorenzo Bonoldi, organista del Teatro alla Scala di Milano. A lui l’incarico di rendere omaggio a tre grandi compositori francesi, con un programma ricco e di ampio respiro. Oltre a brani di Couperin, saranno eseguite pagine di Franck, Dubois, Vierne, e una rara Fuga su tema di Massenet di Debussy. Due nuove Ave Marie per soprano e organo realizzate da Giordano Bruno Ferri e da Riccardo Castagnetti faranno da pendant all’esecuzione della celeberrima Ave Maria di Gounod, basata, com’è noto, sul primo Preludio del Clavicembalo ben temperato di Bach. L’interpretazione di questo trittico sacro è affidata alla voce del soprano Monika Lukács, mentre le improvvisazioni jazz saranno curate da Gabriele Comeglio, musicista e arrangiatore che vanta prestigiose collaborazioni a livello internazionale, che si cimenterà sia al flauto traverso sia ai saxofoni. Il consueto spazio letterario proporrà il racconto di Lorenzo Arruga, noto critico musicale e scrittore milanese.

Il concerto conclusivo, sabato 13 ottobre, si muoverà tra autori ottocenteschi (Giovanni Morandi, Vincenzo Petrali, Louis Lefébure-Wély) e il duplice omaggio a Scott Joplin (il “re del Ragtime”) e Leonard Bernstein, compositore, pianista e direttore d’orchestra tra i più celebrati del Novecento, con l’esecuzione di una Suite su ‘West Side Story’. Roberto Olzer, organista, compositore e jazzista assai apprezzato e conosciuto, darà sostanza alla serata che si preannuncia particolarmente versatile e ricca di spunti interessanti. A dare ulteriore smalto alla proposta saranno gli interventi davvero insoliti al banjo e alla chitarra realizzati da Sandro Di Pisa, musicista fuori dai canoni e pieno di esuberante inventiva. Infine lo scrittore Marcello Fois regalerà un piccolo brivido “organistico” agli spettatori con il suo breve ma spiazzante racconto inedito, interpretato, come i precedenti, dall’attrice Federica Cavalli.

L’iniziativa, che è resa possibile anche grazie al prezioso contributo di Cartiere Cama, OrioCenter, Fondazione Credito Bergamasco e delle ditte Vitali, Zanetti, Agnelli Metalli, Co.me.c., Ambrosini, Farmacia degli Spezieri, si avvale del patrocinio della Provincia di Bergamo e della media partner del quotidiano Avvenire, del settimanale Famiglia Cristiana, di TV2000 e della rivista Arte Organaria Italiana. Tutti i concerti sono a ingresso libero e gratuito. Info: 338 58 36 380. www.comeunfiordiloto.it

Share.

Lascia un commento