Beppe Grillo e l’Asperger: quando le parole (sbagliate) pesano come pietre

0

È ora di cominciare a prendere confidenza con le parole, diceva Carmelo Bene. Un monito, quello del compianto drammaturgo che, in questi ultimi giorni di ottobre, assume quasi i caratteri di una triste profezia. Perché nel nostro Paese, da mesi fagocitato da una sorta di guerra civile ideologica, di confidenza con le parole se ne è quasi persa traccia. L’ultimo a darne prova è stato Beppe Grillo, che, domenica 21 ottobre, al Circo Massimo, ha chiuso la kermesse romana di «Italia 5 stelle» con un discorso che ha fatto sussultare più di un cittadino. I fatti sono ormai noti: il fondatore del Movimento 5 stelle ha ironizzato sui «filosofi in televisione» che, proprio in virtù della loro presunta distanza dalla realtà, sarebbero, secondo il comico, affetti da sindrome di Asperger. «L’autismo è la malattia del secolo – ha tuonato dal palco Grillo –. L’autismo non lo riconosci, per esempio è la sindrome di Asperger, è pieno di questi filosofi in televisione che hanno la sindrome di Asperger. Che è quella sindrome di quelli che parlano in quel modo e non capiscono che l’altro non sta capendo. E vanno avanti e fanno magari esempi che non c’entrano nulla con quello che stanno dicendo, hanno quel tono sempre uguale. È pieno di psicopatici… ». Parole inopportune e sciocche (accostare la psicosi, disturbo psichiatrico, all’autismo, disturbo del neurosviluppo, è imperdonabilmente inesatto), ma, soprattutto offensive, che non sono passate inosservate e che hanno suscitato le protese da parte di quelle associazioni che, da tempo, si occupano dei diritti di coloro che soffrono di autismo. «Non è bello prendere in giro noi autistici – ha ribattuto Gianluca Nicoletti, editorialista de La Stampa, dal blog «Per Noi Autistici» –, darci degli psicopatici e usarci come oggetto di scherno». Già, perché è proprio di questo che si tratta: fare del diverso oggetto di ludibrio e trasformare un disturbo in motivo di infamia, delegittimando così, in modo cinico e volgare, i propri avversari e riscuotendo le grasse risate del proprio pubblico. Un pubblico, quello di domenica al Circo Massimo, che, a ben vedere dai video presenti sul web, non si è risparmiato dall’applaudire il proprio leader e che forse, però, non si è interrogato sul dramma vissuto da quelle famiglie che, ogni giorno, devono assistere una persona autistica (secondo il progetto ASDEU, finanziato dalla Commissione Europea, circa un bambino italiano su cento è colpito dall’autismo), lottando contro i pregiudizi e battendosi, incessantemente, per un po’ di dignità e serenità. Ma ciò che fa inorridire è la scelta delle parole, l’uso di un linguaggio violento, che non si interroga su quel che si può o non si può dire e su come, nel caso, lo si debba esprimere. È la politica senza filtri, la stessa per cui – per rifarci alla cronaca degli ultimi giorni – si può ingiuriare con la parola «negra» una signora sul treno. Le parole sono pietre, titola il celebre libro di Carlo Levi. Con esse si possono edificare ponti o costruire muri. Le parole hanno un peso e, per ciò, devono essere ponderate. E non è questione di politicamente corretto (spesso ipocrita e deleterio), ma di gusto e di educazione. Un fatto estetico, prima che etico. Perché, come si insegna ancora nelle facoltà di Lettere, la forma, modo con cui si sceglie di ordinare un contenuto, è fondamentale. E, dunque, pure il linguaggio lo è. Solo che, come diceva Carmelo Bene, il linguaggio, spesso, «ci trapassa» senza che ce ne accorgiamo. E, immancabilmente, rivela chi veramente siamo.

Share.

Lascia un commento