“Tra voi non è così”. Esercizio del potere e Vangelo

0

In quel tempo, si avvicinarono a Gesù Giacomo e Giovanni, i figli di Zebedèo, dicendogli: “Maestro, vogliamo che tu faccia per noi quello che ti chiederemo”. Egli disse loro: “Che cosa volete che io faccia per voi?”. Gli risposero: “Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra” (vedi Vangelo di Marco 10, 35-45).

Per leggere i testi liturgici di Domenica 21 ottobre, ventinovesima del Tempo Ordinario, clicca qui.

Il Figlio dell’uomo venuto non per farsi servire, ma per servire

Gesù ha appena annunciato che egli deve morire. Non è il Messia vincitore che i suoi amici sognano. Ma i suoi amici faticano a capire quel messaggio. E in effetti, due di loro, Giacomo e Giovanni, chiedono, proprio dopo che Gesù ha annunciato la sua passione, “Concedici di sedere, nella tua gloria, uno alla tua destra e uno alla tua sinistra”. Di che gloria si tratti non è facile sapere. Ma è possibile, perfino probabile che si tratti di una gloria terrena, forse perfino politica. Dunque i due hanno sogni e prospettive che vanno nella direzione opposta rispetto a quelle di Gesù. Ma non sono i soli. Mentre Giacomo e Giovanni fanno la loro richiesta, gli altri dieci si indignano: la competizione inquina i loro rapporti. Gesù risponde, prima ai due fratelli con un rimprovero: “Voi non sapete ciò che domandate”; non hanno capito che andare dietro a Gesù significa anzitutto prendere la propria croce, fare come lui, dare la vita. Poi pone, a sua volta, una domanda: “Potete bere il calice che io bevo, o ricevere il battesimo con cui io sono battezzato?” Bere il calice nel significato di “soffrire molto” è usato spesso nella bibbia. E l’immagine del battesimo è molto efficace se si pensa che “battezzare” significa “essere immersi” e “andare a fondo”. Dunque Gesù chiede anzitutto di condividere la sua sorte, come sempre egli chiede a chi vuole essere suo discepolo. Rispetto, poi, agli altri discepoli, Gesù reagisce a sua volta con uno straordinario insegnamento. I suoi discepoli non devono copiare i modelli usati dal mondo, quello del prestigio e del potere. Ma devono porsi come servi verso gli altri. Insomma, la comunità cristiana deve rappresentare un’alternativa radicale rispetto ai modelli mondani. E questo per restare  fedeli al loro Maestro, il quale “non è venuto per essere servito, ma per servire e dare la propria vita in riscatto per molti”.

Potere e servizio

La comunità cristiana sta nel mondo e, nei confronti del mondo, è sempre in bilico fra contestazione e assuefazione. L’esercizio del potere è una delle “spie” inequivocabili. Spesso nella Chiesa il potere ha lo stesso fascino che ha nel mondo e spesso gli uomini di Chiesa ne imitano lo stile. La cosa è doppiamente patetica. Anzitutto nella Chiesa il potere non ha e non può mai avere la forza – politica, economica, militare – che ha nelle società civili. Per cui chi desidera essere come “coloro i quali sono considerati i governanti delle nazioni” (interessante questa circonlocuzione!) finisce per essere un mediocre duplicato. Ma la cosa è ancora più patetica perché in nome del Vangelo si fa esattamente il contrario di quello che il Vangelo chiede: non dominare ma servire, non arraffare la vita dei fratelli per sé, ma dare la propria vita per loro. Chi vuole diventare grande tra voi sarà vostro servitore, e chi vuole essere il primo tra voi sarà schiavo di tutti.

L’utopia cristiana del potere come servizio è straordinariamente necessaria oggi, quando il potere mondano spesso gira a vuoto e vive di contese, di contestazioni, di reciproche condanne. Il potere, troppo spesso, non serve gli uomini, ma si serve degli uomini per tenere in piedi se stesso.

Share.

Lascia un commento