Omaggio a Maria in chiave jazz a Longuelo per l’Immacolata

0

Un omaggio a Maria in chiave Jazz a Longuelo in occasione dell’Immacolata: è l’iniziativa in programma per l’8 dicembre nella chiesa parrocchiale del quartiere con inizio alle 16. Un’occasione che unisce la fede alla buona musica. Protagonisti sono Roger Rota ai sassofoni, Adelio Leoni alla chitarra, il duo L+R. L’originale «Omaggio a Maria» propone una rivisitazione in chiave jazzistica dei canti della tradizione popolare dedicati alla Madonna. Nella scaletta si ritrovano molti brani celebri della tradizione musicale dedicati a Maria, come «Beata Viscera», «Dell’aurora tu sorgi più bella», «Giovane donna», «Mira il tuo popolo», «Nome  dolcissimo», «Regina Caeli», «Tota pulchra es, Maria». Ci sono però anche due brani originali, «Preghiera» di Roger Rota, e «Anemos» di Adelio Leoni. Per  questo “Omaggio a Maria” i due musicisti hanno messo a frutto le esperienze maturate e la passione per le musiche e i suoni del Nord Europa. Hanno riletto brani che abitualmente la gente canta in chiesa nella loro personale ottica sonora. L’obiettivo però è rimasto quello di coinvolgere il più possibile il pubblico e in quest’ottica gli arrangiamenti sono stati messi a punto con equilibrio e misura, in modo da lasciare spazio al canto. In alcuni brani nella serata i musicisti richiederanno direttamente la partecipazione dei fedeli. Concilieranno questa esigenza con quella dell’improvvisazione e con i suoni che appartengono allo stile del duo.  L+R – come si legge nella presentazione dell’iniziativa – è un progetto che Roger Rota e Adelio Leoni hanno maturato attraverso una serie di esperienze fatte di incontri, sonorizzazioni e performance con diversi artisti dell’ambito delle arti visive. Il duo propone musica originale e getta anche lo sguardo alla tradizione musicale del grande nord e a certa musica del repertorio Barocco Italiano e inglese, rivisitata in modo personale. Adelio Leoni e Roger Rota danno vita ad una performance musicale che fonde le esperienze della musica improvvisata, della musica colta e delle avanguardie elettroniche europee. L’oggetto suono diventa materia narrativa che costruisce i suoi racconti dentro una illusione.

Scarica la locandina dell’omaggio a maria

Share.

Lascia un commento