Verso il Natale. Le celebrazioni con il vescovo Francesco

0

Stiamo per entrare nel tempo liturgico forte del Natale, che fa memoria della nascita di Gesù Cristo, Salvatore del mondo. Lunedì 24 dicembre è la vigilia della solennità. In Cattedrale, alle 23,30 avrà inizio la veglia, presieduta dal vescovo Francesco Beschi, che sarà seguita dalla Messa solenne nella notte di Natale, sempre presieduta dal vescovo. Martedì 25 dicembre è la solennità del Natale di Nostro Signore: alle 10,30, sempre in Cattedrale, il vescovo Beschi presiede una solenne Concelebrazione eucaristica. Prima della benedizione, porgerà i suoi auguri natalizi a tutta la diocesi e alla società bergamasca. Al termine, monsignor Francesco Beschi raggiungerà il Nuovo albergo popolare per portare i suoi saluti, auguri e benedizione agli ospiti, ai responsabili, al personale, alla comunità interna delle suore delle Poverelle e ai volontari della struttura, in prima linea in città nel soccorso delle povertà. Alle 17, in Cattedrale, il vescovo Beschi presiede i Vespri solenni del Natale.

Lunedì 31 dicembre, San Silvestro, è ultimo giorno dell’anno. Alle 18, in Cattedrale, il vescovo presiede la Messa di ringraziamento per l’anno trascorso, durante la quale l’assemblea intonerà l’antico canto solenne del «Te Deum». Martedì 1° gennaio, Capodanno, è la solennità di Maria Madre di Dio, che coincide con la 52ª Giornata mondiale della pace, istituita da papa Paolo VI, che quest’anno ha come tema, scelto da papa Francesco, «La buona politica è al servizio della pace». Alle 18 in Cattedrale, il vescovo Beschi presiede la Messa solenne. Nel suo messaggio, Papa Francesco ricorda anche gli insegnamenti della «Pacem in terris» di Papa Giovanni XXIII: «Quando l’uomo è rispettato nei suoi diritti germoglia in lui il senso del dovere di rispettare i diritti degli altri. I diritti e i doveri dell’uomo accrescono la coscienza di appartenere a una stessa comunità, con gli altri e con Dio». Ogni cristiano è pertanto chiamato a portare e ad annunciare la pace come la Buona Notizia di un futuro dove ogni vivente verrà considerato nella sua dignità e nei suoi diritti».

Domenica 6 gennaio è la solennità dell’Epifania, che ricorda la visita dei Magi alla grotta di Betlemme e soprattutto la manifestazione del Bambino Gesù come Salvatore del mondo, di tutti i popoli e di tutte le genti. Alle 10,30, in Cattedrale, il vescovo Beschi presiede la Messa solenne. Alle 17, sempre in Cattedrale, Vespri solenni presieduti dal vescovo.

Share.

Lascia un commento