Per gli occhi e per il cuore: le illustrazioni di Matteo Gubellini al Museo Bernareggi

0

Ci sono lupi, draghi, gnomi, cavalieri, giganti e re nel mondo fantastico creato dall’illustratore bergamasco Matteo Gubellini. I suoi colori pastosi, la sua pittura “primitiva” e potente, raccontano storie affascinanti e potenti. Si possono ammirare dal vivo nella mostra “Per gli occhi e per il cuore” aperta dal 23 febbraio al 28 aprile al Museo Bernareggi. Un appuntamento tradizionale che prima di tutto presenta a catechisti e operatori pastorali impegnati nell’iniziazione cristiana alcuni esempi significativi di arte a servizio dell’annuncio della fede, e poi offre a tutta la città uno spaccato inedito d’arte rivolta a tutti, ma con un linguaggio immediatamente accessibile anche ai più piccoli.

L’inaugurazione è in programma  sabato 23 febbraio alle 17. Dopo la presentazione in cui l’autore dialogherà con Sabrina Penteriani, giornalista de L’Eco di Bergamo e direttore del Santalessandro.org, alle 18 l’artista condurrà una visita guidata.

Matteo Gubellini ha dato forma e colore ai Vangeli delle domeniche di tempi di Avvento|Natale 2018 e di Quaresima|Pasqua 2019, con uno stile molto personale. Nell’esposizione si ritroveranno tutte le tavole commissionate dalla Diocesi di Bergamo all’artista per illustrare i vangeli di Avvento e Quaresima e per accompagnare la preghiera e la riflessione di bambini e ragazzi negli itinerari dei Tempi Forti. A completare l’esposizione ci saranno poi anche trenta illustrazioni, alcune ancora inedite e altre tratte dalle più celebri pubblicazioni dell’artista bergamasco. Sarà possibile – per esempio – vedere le immagini realizzate per il volume “Se ti prendo” (Sestante Edizioni, 2017), che raccontano la storia di Sara e Arturo, una bambina e un drago che diventano amici, superando pregiudizi e stereotipi, e quelle realizzate come omaggio a Buzzati (Logos Edizioni, 2012), un viaggio di due amici attraverso un paesaggio emotivo nel quale incontreranno le loro solitudini, tra rumorose fanfarine di paese e svettanti cipressi accarezzati dal vento. Per la prima volta sarà esposta al pubblico l’intera serie Concerto, realizzata per l’omonimo volume andato alle stampe nel gennaio 2019 per i tipi di Edizioni Curci e che racconta la vicenda di gatto Manrico e la sua passione per l musica e i tasti del pianoforte.

Le illustrazioni di Avvento e Natale sono nascono da un bozzetto realizzato a matita che diventa la base del lavoro su acetato, ma che non ne fa parte. Le immagini, prive di tracciato grafico, sono accostamenti di masse cromatiche che danno vita a vivaci scene dall’intonazione schiettamente narrativa, in cui si muovono numerosi personaggi. Le immagini di Quaresima sono realizzate su carta con tempera acrilica e ritocchi sul disegno a matita grassa e restituiscono maggior profondità e atmosfera alle scene che accompagnano alla pasqua. Entrambe le scelte stilistiche proiettano bambini e ragazzi all’interno della narrazione evangelica, mediante un linguaggio quasi primitivo, ingenuo, a tratti infantile, dove protagonisti sono i gesti e le reazioni dei personaggi della storia sacra. Il suo stile trasmette i contenuti della fede mediante un “linguaggio parabolico” (Evangelii Gaudium, 167), ossia esplicitamente figurativo e narrativo, in grado di trattenere il senso originario del testo evangelico e nel contempo di vivificarlo attraverso il segno ed il colore.

MATTEO GUBELLINI è nato a Bergamo nel 1972. Dopo il liceo artistico si è diplomato alla Scuola del Fumetto di Milano. È illustratore e autore di libri illustrati. Fra le sue pubblicazioni: “Se ti prendo” (Sestante), “Un vero leone” (Bohem Press Italia), “Che piacere, signor Babau!” (Bohem Press Italia), “La visita della domenica” (Logos), “Nel cimitero” (Logos), “Dancing” (Logos), “Buzzati” (Logos), “Nessuna differenza!?” (Principi & Principi), “Ho visto passare” (La Memoria del Mondo), “Il ladro di sogni” (La Fragatina), “Concerto” (Curci). Dal 2008 tiene spettacoli, corsi e laboratori in tutta Italia. Nel 2017 e nel 2018 è stato docente d’illustrazione e teatro dell’ombra presso l’Istituto Palladio di Verona.

INFORMAZIONI

La mostra è aperta dal martedì al venerdì alle 15 alle 18. Per gruppi e visite guidate è possibile visitare la mostra, previa prenotazione, anche il sabato e la domenica. Ingresso gratuito.

Visite guidate e aperture straordinarie a pagamento. Per info e prenotazioni visite: 035219893 (ma–do | 10–12 e 15–18), pastorale@fondazionebernareggi.it.

Share.

Lascia un commento