Istat: famiglie sempre più piccole, una su tre è “single”. E l’Italia è tra i Paesi più vecchi del mondo

0

Guardandosi attorno non è poi così difficile immaginare ciò che i dati descrivono. Eppure quando li si legge, quando le cifre compaiono una dopo l’altra, la realtà emerge in tutta la sua durezza, portando con sé riflessioni profonde che andrebbero fatte, sviluppate, sviscerate. Perché sì, la società cambia, le famiglie ne sono lo specchio più veritiero.

“Le famiglie, 25 milioni e 700 mila, sono sempre più numerose e sempre più piccole. Il numero medio di componenti è passato da 2,7 (media 1997-1998) a 2,3 (media 2017-2018), soprattutto per l’aumento delle famiglie unipersonali che in venti anni sono cresciute di oltre 10 punti: dal 21,5% nel 1997-98 al 33,0% nel 2017-2018, ovvero un terzo del totale delle famiglie”.

Lo rivela l’Istat, nell’annuario statistico 2019. Una famiglia su tre è “single”. In una famiglia su tre insomma ci sei tu e basta, non ci sono accanto a te un compagno/a di vita, non ci sono figli.

 

NASCITE AL MINIMO STORICO, L’ITALIA E’ UNO DEI PAESI PIU’ VECCHI DEL MONDO

“Nel 2018 continua il calo delle nascite: i nati vivi, che nel 2017 erano 458.151, nel 2018 passano a 439.747, nuovo minimo storico dall’Unità d’Italia”. L’Istat dipinge un’Italia che invecchia inesorabilmente. Nel 2018 “il numero dei decessi diminuisce e raggiunge le 633.133 unità”. La speranza di vita media alla nascita “riprende ad aumentare attestandosi su 80,8 anni per i maschi e 85,2 per le femmine nel 2018”.

L’Italia, sottolinea l’Istat, è “uno dei Paesi più vecchi al mondo, con 173,1 persone con 65 anni e oltre ogni cento persone con meno di 15 anni al primo gennaio 2019”.

Share.

Lascia un commento