Scanzorosciate: le feste all’oratorio per i ragazzi delle medie. Un modo semplice per imparare a stare bene insieme

0

Avere del tempo per stare insieme in oratorio è un aspetto fondamentale per sentirsi a casa. È un modo con cui stringere legami e mantenerli ben saldi nel tempo. Se strutturato questo tempo può far crescere chi lo abita e chi lo organizza. Negli oratori di Scanzorosciate l’animazione è un aspetto molto importante che porta avanti diverse iniziative tra cui le feste per i ragazzi delle medie. Ogni mese, giovani e adolescenti, si mettono a disposizione per far vivere ai ragazzi più piccoli una festa con un tema sempre diverso. Stare insieme con semplicità è la chiave di tutto.

L’iniziativa nasce con l’intento di creare un’occasione di ritrovo per i preadolescenti anche al di fuori dei percorsi, ma aiuta anche gli adolescenti nel loro percorso di crescita. “L’animazione consiste nel passare una serata tutti insieme tra animatori e educatori con uno stile più informale rispetto agli incontri adolescenti che facciamo. Si condivide la cena e poi la serata prosegue con balli e giochi a tema -spiega Anna Cucchi, una delle educatrici degli oratori di Scanzorosciate-. Ad organizzare il tutto siamo noi educatori e il don con cui, a inizio anno, calendarizziamo gli impegni. Ogni mese ci troviamo con gli animatori, ovvero gli adolescenti, per preparare più nello specifico la serata. Tutti gli appuntamenti hanno il loro tema. Si va dal fluo party al tema anni Settanta fino al grande classico del Galà”.

Le feste per le medie negli oratori di Scanzorosciate sono ormai una tradizione. Da quasi dieci anni, i ragazzi hanno in questi appuntamenti mensili dei punti di ritrovo importanti. “L’iniziativa è nata parecchi anni fa. La formula è cambiata negli anni, ma l’obiettivo è rimasto sempre quello di coinvolgere i ragazzi delle medie. Fin ad ora le feste sono sempre state molto partecipate e il numero dei ragazzi è andando crescendo. Una cosa che mi ha colpito molto è la semplicità con cui i ragazzi delle medie partecipano alle feste. A loro basta stare insieme per divertirsi”.

Da questa semplicità traggono beneficio i ragazzi, ma anche gli animatori delle serate. Sono occasioni in cui si tessono legami tra educatori e animatori, ma anche tra animatori e ragazzi. Per un adolescente mettersi in gioco per gli altri aiuta a crescere e a maturare. Anche prendendosi cura di una semplice serata, ci si può responsabilizzare in maniera significativa.

“A un animatore rimangono i sorrisi dei ragazzi e il modo di approcciarsi dei più piccoli con estrema semplicità. Questo è anche un passo importante per la formazione verso il Cre-grest. Avere già una buona base aiuta molto nelle attività estive. Inoltre, durante l’anno, si riescono a mantenere i legami creati d’estate. Dedicare del tempo agli altri è sempre una cosa stupenda. Farlo in questa modalità è ancora più bello -conclude Anna-. Il messaggio che vogliamo trasmettere ai ragazzi è che l’oratorio può essere vissuto anche fuori dai percorsi a cui già partecipano. Ci si può divertire con poco e con la semplicità dello stare insieme”. Bastano pochi ingredienti per fare dell’oratorio una casa.

Share.

Lascia un commento