Taralli dolci al vino bianco: il dolce di nonna Tina per Pasqua

0

Ci sono sapori e profumi che rimangono intatti nonostante gli anni passino e che, quando giungono ai nostri sensi, fanno correre la mente indietro nel tempo e rinnovano emozioni mai sopite. Per me e la mia famiglia di origine, da parte di mamma, uno di questi è il dolce che la nostra amata nonna Tina preparava sempre da condividere in famiglia al termine del pranzo di Pasqua, prima per suo marito e i suoi quattro figli, poi anche per i suoi generi, sua nuora e i suoi undici nipoti. Sto parlando dei taralli dolci al vino bianco. Le radici pugliesi di nonna Tina non l’hanno mai abbandonata e per lei, cascasse il mondo, a Pasqua si preparavano questi dolci, in realtà semplicissimi, ma dal gusto inconfondibile. Il segreto sta tutto negli ingredienti, se poi si aggiunge un pizzico di manualità il gioco è fatto! Un ingrediente curioso è l’ammoniaca … già, proprio così! Ma attenzione, occorre quella alimentare, un agente lievitante utilizzato in pasticceria. La nonna Tina mandava sempre i suoi figli a comprarla “dal Mologni”, la storica drogheria di Piazza Sant’Anna che ha recentemente chiuso i battenti. I taralli dolci al vino bianco possono essere preparati in modo divertente anche con i bambini, che si divertiranno ad impastare, a dare loro la tipica forma circolare, e poi a tuffarli nello zucchero. Vediamo subito cosa ci serve:

  • 200 ml di vino bianco
  • 200 ml di olio di semi di girasole
  • 4 cucchiai di zucchero
  • 1 bustina di ammoniaca alimentare
  • 500 gr di farina 00
  • 1 buccia di limone grattugiata
  • 1 busta di vanillina
  • Altro zucchero per guarnire

Procedimento:

In una ciotola grande versiamo 200 ml di vino bianco, 200 ml di olio di semi di girasole, 4 cucchiai di zucchero, la bustina di ammoniaca alimentare, la buccia di limone grattugiata, la busta di vanillina. Mescoliamo tutto, aggiungendo poi poco alla volta i 500 gr di farina. Quando l’impasto diventa più consistente, continuiamo a lavorarlo con le mani su una spianatoia, dopo averla spolverizzata con un po’ di farina. Prepariamo un piatto con un po’ di zucchero e una teglia con un foglio di carta da forno. E’ il momento di dare forma ai nostri taralli: prendiamo un pezzetto di pasta e lavoriamolo con le mani fino a formare un bastoncino, che poi giriamo su se stesso per creare la forma circolare. Poi lo tuffiamo, da entrambi i lati, nello zucchero e lo posizioniamo sulla teglia. Dopo aver terminato la pasta i nostri taralli saranno pronti da infornare: per 40 minuti a 170 gradi. Ecco pronti i nostri taralli dolci al vino bianco, croccanti e gustosi!

Share.

Lascia un commento