Di parrocchie, notiziari, social e d’altri potenti mezzi. La lezione di San Francesco di Sales

Il 24 gennaio 2023 è la data che celebra un doppio anniversario legato a San Francesco di Sales: ricorrono i 400 anni della sua dipartita e i 100 anni della sua consacrazione a patrono dei giornalisti.

I meriti acquisiti sul campo che gli valgono tale riconoscimento sono da attribuire alla sua intraprendenza nei confronti della carta stampata: il santo vescovo di Ginevra, confrontandosi con una diocesi rapita dall’entusiasmo per la riforma Calvinista, operò una straordinaria opera di predicazione attraverso la stampa di piccoli opuscoli affissi per i muri delle città e distribuiti sotto gli usci delle case.

La sua figura aiuta ancora le nostre parrocchie a cogliere alcune intuizioni che hanno a che fare con i loro mezzi di comunicazione: ci aiuta a mettere a fuoco una visione, una comunità di intenti e una prospettiva di cammino.

Comunicare è importante quanto fare

Una visione. La prima riflessione è che il comunicare è importante almeno quanto il fare. Fare tanto e fare bene rischia di essere poco efficace se non è accompagnato da una cura perché quanto fatto sia conosciuto, spiegato e accompagnato da una comunicazione attenta.

Il notiziario parrocchiale – o giornalino, o bollettino, che dir si voglia – è stato lo strumento pensato per dare parole alle azioni pastorali. Serve per costruire la comunità, è lo spazio cartaceo in cui succede quello che capita nelle famiglie quando ci si siede a tavola: si racconta e si condivide la propria esperienza, e questo costruisce familiarità e appartenenza.

Il tessuto connettivo della comunità cristiana è fatto di comunicazione: il notiziario è uno strumento importante per tenere il legame e per tenere accesa una vicinanza.

Le parole hanno il potere di far accadere delle cose

Una comunità di intenti. Una La seconda osservazione è che le parole sono capaci di fare accadere delle cose, di realizzare qualcosa che prima non c’era.

Le parole dei mezzi di comunicazione usati dalle nostre parrocchie sono importanti perché fanno accadere delle cose che non sono secondarie per la fede: aiutano a non dimenticare che l’unica comunità ha molti volti e molte esperienze, non solo quelle che ciascuno frequenta di più; permettono di non dimenticarsi di chi nasce, di chi muore, di chi vive e festeggia tappe e anniversari significativi, anche dentro il cammino di fede; oliano i legami tra i gruppi della stessa parrocchia e tra le parrocchie della stessa unità pastorale; ricordano il legame con la diocesi. Senza queste attenzioni, le nostre comunità sarebbero più povere: in breve si troverebbero concentrate sull’urgenza senza più avere una visione di insieme.

Un continente digitale ancora da esplorare

Una prospettiva di cammino. L’ultima considerazione è che San Francesco di Sales ha saputo interpretare il bisogno del proprio tempo attraverso una certa fantasia e uno spirito capace di cogliere la novità: oggi, la frontiera spalancata da internet e dall’avvento dei social mostra un continente digitale ancora da esplorare per l’annuncio del vangelo.

I nostri ragazzi, e non solo, hanno spostato là la residenza per diverse ore del loro tempo. L’estro del vescovo di Ginevra ci chiede di farci carico del racconto del vangelo, con slancio, senza però lasciarci conquistare dall’entusiasmo per il nuovo al punto da trascurare quanto già consolidato.

Il digitale mostra una logica di comunicazione diversa, prima che un supporto nuovo: per la nostra parrocchia non si tratta di sbarcare su Tik Tok per essere moderna, ma di capire come essere puntuale e non stonata alle orecchie dei nostri contemporanei.

Questa considerazione chiede di aprire la domanda su come far convergere gli strumenti di comunicazione a disposizione di una parrocchia perché si muovano sinfonicamente.

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.