“Dentro” al Teatro Sociale. In scena storie di abusi familiari

dentro
Una scena dello spettacolo "Dentro" in scena il 2 marzo al Teatro Sociale di Bergamo. Foto di Federico Sigillo

DENTRO. Una storia vera, se volete” è uno spettacolo che affronta un tema delicatissimo e doloroso, quello degli abusi in ambito familiare. Va in scena il 2 marzo alle 20,30 al Teatro Sociale nell’ambito della Rassegna Altri Percorsi della Fondazione Teatro Donizetti.

Protagoniste in scena Maria Ariis e Giuliana Musso, quest’ultima anche autrice della drammaturgia e regista dello spettacolo. Musiche originali di Giovanna PezzettaConsulenza musicale e arrangiamenti di Leo Virgili. Scene di Francesco Fassone. Produzione La Corte Ospitale. Coproduzione Operaestate Festival Veneto. Spettacolo ideato per La Biennale Teatro ATTO IV NASCONDI(NO). Durata 1 ora e 30 minuti senza intervallo. Prezzi biglietti: intero 19 euro, ridotto 15 euro. 

«DENTRO è la messa in scena del mio incontro con una donna e con la sua storia segreta», racconta Giuliana Musso, una delle più affermate protagoniste del teatro di narrazione contemporaneo, «La storia di una verità chiusa dentro ai corpi e che lotta per uscire allo scoperto. Un’esperienza difficile da ascoltare. Una madre che scopre la peggiore delle verità. Una figlia che odia la madre. Un padre innocente fino a prova contraria. E una platea di terapeuti, consulenti, educatori, medici, assistenti sociali, avvocati che non vogliono sapere la verità».

«In tutte le vicende di abuso sui minori che io ho conosciuto per voce delle vittime nessun colpevole è mai stato condannato. La violenza sessuale è un segreto che permane tutta una vita dentro alle case, dentro agli studi dei medici, degli psicoterapeuti o degli avvocati, in quelle dimensioni private in cui le vittime possono restare confinate senza venire riconosciute. I fini compassionevoli del segreto quasi sempre si fondono con quelli vergognosi della censura e con quelli inconsci del tabù», continua l’attrice e regista, «Da sempre, pur di salvare l’ordine dei padri, costruiamo impalcature concettuali che fanno perdere consistenza alla realtà dei traumi e alla voce dell’esperienza. E se la nostra esperienza di violenza non può essere riconosciuta allora viene minata alla radice la nostra dimensione ontologica, noi stessi forse smettiamo di esistere».

«DENTRO non è teatro d’indagine, è l’indagine stessa, quando è ancora nella vita, la mia stessa vita. DENTRO non è un lavoro sulla violenza ma sull’occultamento della violenza. DENTRO è un piccolo omaggio teatrale alla verità dei figli», conclude Giuliana Musso.

Giuliana Musso è attrice, ricercatrice, autrice. Ha vinto il Premio della Critica 2005, Premio Cassino Off 2017 e Premio Hystrio 2017 per la drammaturgia.  È tra le maggiori esponenti del teatro d’indagine: un teatro che si colloca al confine con il giornalismo d’inchiesta, tra l’indagine e la poesia, la denuncia e la comicità. Una poetica che caratterizza tutti i suoi lavori: una prima trilogia sui “fondamentali” della vita, Nati in casaSexmachine e Tanti Saluti (nascita, sesso e morte), e poi un impegnativo viaggio nella distruttività del sistema patriarcale con La città ha fondamenta sopra un misfatto (ispirato a Medea. Voci di Christa Wolf), La Fabbrica dei preti (sulla vita e la formazione nei seminari italiani prima del Concilio Vat. II) e Mio Eroe (la guerra contemporanea nelle voci di madri di militari caduti in Afghanistan). Nel 2019 debutta a Mittelfest il monologo La scimmia, testo originale ispirato al protagonista del racconto di Franz Kafka Una relazione per un’accademia. I suoi testi sono stati pubblicati e tradotti in antologie, raccolte e riviste.  

Maria Ariis si è formata come attrice presso la scuola “Paolo Grassi” di Milano e si è perfezionata alla Guildhall School of Music and Drama di Londra. Ha lavorato per vari enti di produzione teatrale ed è stata diretta da registi come Massimo Castri, Sergio Fantoni, Gigi Dall’Aglio, Cristina Pezzoli, Andrée Ruth Shammah. All’attività teatrale ha alternato collaborazioni in produzioni cinematografiche e trasmissioni radiofoniche e televisive soprattutto per la RAI.