Un cuore da educare: i laboratori alla comunità Effatà per mettersi in gioco

0

Alcune volta capita di incontrare adulti che si comportano come degli adolescenti. Forse per scelta o per vari motivi. Per i giovani di oggi crescere dal punto di vista affettivo non è facile perché la maturità affettiva ha bisogno di un percorso, talvolta lungo e faticoso. Anche se i giovani vanno sempre di fretta, arriva anche per loro il momento di fermarsi e fare spazio a una ricerca interiore: problemi di cuore, abbandoni, incomprensioni in famiglia, scoperta di se stessi, una vita da single.
C’è chi è disposto a mettersi in gioco, ad andare oltre. Riflettere e confrontarsi sui propri vissuti. Scoprire sé stessi, fare tesoro di consigli preziosi e vivere le relazioni della propria vita sotto una nuova luce. Tutto questo a “Conoscere se stessi nel cammino della Vita” e “In attesa di un compimento…”. 
Si tratta di laboratori di Formazione umana e affettiva proposti dalla Diocesi di Bergamo in collaborazione con la comunità Effatà e con l’Associazione Centro per l’Accompagnamento Vocazionale. Gli incontri saranno tenuti da formatori e psicologi.
I percorsi sono iniziati nel 1995 al momento della fondazione della Comunità Effatà, la cui vocazione è quella di aiutare i giovani in cammino nella scelta e nella scelta vocazionale. Dal 2005 hanno partecipato più di un centinaio i giovani provenienti da tutta la Diocesi.
Il primo itinerario avrà titolo: “Conoscere se stessi nel cammino della Vita”. È un’avventura veramente appassionante, ma difficile, entrare in rapporto autentico con la propria intimità e assumere realmente la propria umanità. Il laboratorio vuole favorirne un avvio o una rielaborazione significativa descrivendo alcune dinamiche esistenziali fondamentali, l’attivazione personale, la rilettura condivisa dei vissuti emersi.
Il programma del primo Itinerario si articola così: 17 gennaio 2016: Cosa mi manca? Cosa ti manca? La sfida della vita. 24 gennaio: Che desideri? Ciò che vorrei essere e ciò che sono. 7 febbraio: lasciare il padre e la madre!?Il distacco e le trasformazioni delle relazioni parentali. 14 febbraio: Che cosa farò da grande? Sogni, paure e decisione!
Mentre il secondo itinerario avrà titolo: “In attesa di un compimento…”. I desideri e i sogni più grandi muovono attese profonde e anelano a un compimento. Talvolta il percorso incontra il timore dei legami o pare faticoso poter realizzare se stessi. Cercheremo di ri-comprendere atteggiamenti e parole preziose nella riscoperta della qualità buona dei legami per imparare ad abitare anche un tempo di attesa. Il laboratorio prevede: riflessioni, elaborazione personale, confronto di gruppo.
 Il programma del secondo Itinerario si articola così: 28 febbraio: Amare ed essere amati, Alla ricerca di un compimento. 6 marzo: Intessere legami: fame e paura dell’intimità. 13 marzo: Status single?! Il benessere della solitudine e delle(a) relazioni(e).
Gli incontri si svolgono la domenica dalle 17,00 alle 20,00 in Bergamo (presso la Comunità Effatà, via Ghislanzoni 38)… con happy hour insieme. Per info: effata.accoglienza@alice.it, tel. 035 246 287.

Share.

Lascia un commento