Giovedì santo. L’omelia del vescovo. “Non lasciamoci tentare dalla nostra delusione”

0

Foto: Duomo, la messa del 23 marzo, giovedì santo

Duomo pieno di sacerdoti concelebranti. Presenti anche alcuni gruppi di ragazzi che riceveranno la cresima.

La liturgia si è svolta secondo le movenze solenni tipiche della settimana santa e tipiche di questo momento, soprattutto: il mattino del giovedì santo. La messa è detta “chrismatis”, perché durante questa messa si benedicono gli oli santi. Sono l’olio dei catecumeni che si usa nel rito del battesimo, l’olio degli infermi, per il sacramento  dell’unzione degli infermi e il crisma, appunto, l’olio profumato che serve soprattutto durante il rito della cresima.

La messa del “chrismatis” è un momento particolare nel quale il vescovo parla ai “suoi” preti e in qualche modo condivide emozioni e preoccupazioni. Quest’anno ha usato l’immagine del “quarta ampolla di olio”. Ha precisato che questa simbolica quarta ampolla è quella della misericordia, all’insegna della quale sta trascorrendo l’anno giubilare e che dovrebbe rappresentare l’alternativa costruttiva alle forze violente e distruttive che hanno fatto tragica mostra di sé in questi giorni. Ha ricordato ai preti che essi pure sono risanati da quella misericordia e messi in grado di donarla agli altri.

Una parte importante dell’omelia è stata segnata da una esortazione forte e cordiale a non lasciarsi prendere dalla rassegnazione, dalla delusione. “Con tutto il cuore: coraggio, non abbiate paura”. Ha esortato ad accompagnare con il sorriso gli innumerevoli gesti di misericordia che i preti sono chiamati ogni giorno a fare nelle loro comunità. Ha aggiunto che è necessario operare una rigenerazione del proprio ministero sacerdotale  partendo da un “afflato evangelizzante”. La freschezza del vangelo deve dare freschezza anche ai gesti di coloro che lo annunciano.

Il vescovo ha poi ricevuto gli auguri da parte di mons. Davide Pelucchi, vicario generale. Dopo la messa sono stati distribuiti gli oli santi alle parrocchie della diocesi

Share.

Lascia un commento