In necessità virtù: uno spettacolo da Dostoevskij per la lotta alla violenza sulle donne

0

Si apre con un doppio appuntamento dedicato alla violenza di genere il festival In Necessità Virtù. In occasione della Giornata internazionale per l’eliminazione della violenza contro le donne del 25 novembre, il festival porta sul palco di Curno e di Osio Sotto lo spettacolo teatrale “Dostoevskij #1 da La Mite” di Liberiteatri di Palermo.

Il nostro festival intende portare incanto nel disincanto – spiega il direttore artistico Giuseppe Goisis di Compagnia Brincadera che, insieme a Centro Servizi del Volontariato e Sguazzi Onlus, è tra i promotori della rassegna –. Intende entrare in alcuni luoghi del disincanto come appunto una famiglia violenta, ma anche un carcere, un ospedale, una patria inospitale, un quartiere dissestato, un ex manicomio, e portarci motivi di incanto”.

La Mite è un racconto di Dostoevskij. È una storia di violenza familiare e del rapporto fra un uomo e una donna. Rapporto nel quale l’amore è concretamente assente (l’amore, in questa storia, è piuttosto possesso, egoismo, forza, vantaggio). La severa meraviglia con la quale lei guarda lui, come scrive Dostoevskij, è la misura della distanza tra i due, la dolorosa consapevolezza di un’impossibile riuscita. Liberiteatri mette in scena e narra tutto questo. Senza sconti, senza retoriche, senza risparmiare alcunché, di questa violenza fisica e psicologica. Restituendo appieno il monologo polifonico che la sostiene. È un dramma a lieto fine, una volta tanto. Dentro ai fatti più crudi della contemporaneità.

L’appuntamento è alla scuola secondaria Pascoli di Curno (via IV novembre 27) per giovedì 24 alle 21, mentre il giorno dopo, venerdì 25, la replica presso la Sala della Comunità di Osio Sotto (via Sant’Alessandro 1), sempre con inizio alle 21.

Per scelta degli organizzatori tutti gli appuntamenti del festival sono a ingresso gratuito con offerta libera. Si può contribuire al sostegno economico del festival con una donazione attraverso la sottoscrizione delle card oppure con il crowdfunding online. Maggiori informazioni sugli spettacoli, gli eventi e i laboratori su www.invfestival.it.

Share.

Lascia un commento