Al Villaggio degli Sposi: un tempo per pensare e cambiare stile. Al centro la famiglia

0

Nella parrocchia di San Giuseppe al Villaggio degli Sposi, in città, una grande parte della riflessione durante i tempi di Avvento e Quaresima passa attraverso le case dei fedeli. Quest’anno l’esperienza si ripete per il quinto anno e si concentra sul tema della famiglia, molto attuale di questi tempi. «La scelta della parrocchia» spiega il parroco, don Patrizio Moioli, «è riscoprire la quaresima come occasione di ripensamento di alcuni stili di vita, per esempio attraverso il digiuno, e soprattutto come tempo di preghiera personale». Per questo, durante le quattro settimane prima della Pasqua, piccoli gruppi di fedeli si ritrovano, guidati da 8 tra sacerdoti e laici, in sette case di famiglie della comunità (sempre le stesse per tutti gli incontri, che si tengono il venerdì sera) per confrontarsi leggendo le Scritture e meditando sulle predicazioni del tempo, come già accaduto durante l’avvento. «A dicembre» conferma don Patrizio «abbiamo affrontato le opere di misericordia corporali, allestendo anche una mostra sul tema, ora invece ci occupiamo di quelle spirituali, anche seguendo il Giubileo in corso». La partecipazione della comunità è buona (80-90 persone in tutto, di età compresa tra i 40 e 60 anni circa) e il trend delle presenze è costante. «Si potrebbe fare di più» ammette il parroco «ma in una società così riservata e attenta al privato ci si può accontentare». La famiglia e i suoi cambiamenti sono al centro anche di alcune conferenze destinate all’intera comunità e ospitate in parrocchia o in oratorio: martedì prossimo don Maurizio Chiodi si interrogherà sui rapporti uomo-donna e genitori-figli, mentre l’ultimo incontro – «più poetico», come lo definisce don Patrizio – vedrà ancora la Bibbia al centro del dibattito sull’amore e il senso di Dio dalla Genesi al Cantico dei Cantici. Il nodo centrale, insomma, è unico, anche se declinato in molti modi: qual è, oggi, l’importanza della famiglia in tutte le sue forme diverse?

Share.

Lascia un commento