Ol mé Ruch: un sogno di Ronco e mio padre. Poesie sull’uscio

0

…Roncaia, Ronchètt, Roncobèll, Ronco, Roncalli – toh, un papa – Roncola, Ruclisciù, Róchel, Rocla, Pradàl, Pratólt, Pradelada, Pradèl. Mille varianti per un topos, il ricordo o la presenza di un prato. A mezza montagna, attenta la falce al terreno ronchioso, schiancia il ferro sulla pietra tra l’erba, per strappare il magro, il foraggio più povero che ci sia, ma profumato e pieno d’erbe inebrianti per la vaccina, nella minuscola stalla dove le due madri di Segantini crescono i piccoli, che ascolteranno le storie di paura nell’inverno di Olmi. Ruch conquistato e mantenuto, più a valle, per attecchire la vite, con balze o terra di riporto dietro muretti a secco, e patate…

E’ un pezzo della Canzona bergamasca del Ruck che Alberto Belotti scrive in occasione della presentazione della mia piccola raccolta di poesie Us de ruch (Voci di ronco)  nel mio paese (Comenduno di Albino); un canto-contesto che trovate nel file qui sotto allegato e che vi invito con calore a leggere.

Sono rari gli scritti con cui ho istintivamente misurato così intensa identificazione. Corrisponde, ciò che Alberto racconta, ad uno slargamento d’anima che apparecchia al piacere verde, giovane, di sentirsi un mondo ri-trovato, non per nostalgia, accidenti, ma per legame che dice di radice e di terra di cui è fatto un destino. Quando si parla così delle cose lo si fa sempre con affetto e partecipazione; mi chiama Marissio anche se lui non sa che così mi chiamava lo zio Tiglio, fratello di mio nonno, contadino di ronco, quando veniva a casa nostra a chiedere di poter usare caàl e carèt di mio padre, il Bepo, lui pure contadino di ronco. Io, bambino, ascoltavo affascinato questo mio nome nuovo rusticamente strusciato e addolcito sulle esse finali, e lo aiutavo a tacà sota ’l caàl (predisporre il cavallo al carro). Era una cavallina saura, rossiccia di pelo e buona, si chiamava Brèta. E’ morta che compivo vent’anni.

Canzona bergamasca, di Alberto Belotti introduzione a Us de ruch. Comenduno di Albino marzo  2009 >> per leggere clicca qui

Ö’nsògn de ruch e ’l mé pàder   poesia di Maurizio Noris

Ö ’NSÒGN DE RUCH E ’L MÉ PÀDER

La spüda föch
l’estât
la scòta i pé
e la bàt la ranza
che la ghe fà ’l vèrs
al grì de rìa
’nciodât
tacàt vià al sò nìgher fil
de fiât.

L’è dólsa e brösca
’n bóca
 la cica de griöl
e l’èrba l’è ö remòl
ólta che la ma desvida i öcc
roersàcc
sö i pórte de la tapinéra
sperdìcc
via dré ai sentér misteriùs
de la lìpera cörta e fina
de ruch.

La marca ólta
sö ’l mölà de la cut
la tò us
tenurina
che ciama.

La ranza la par d’arzènt che ’nfiama.

Öna mèza schénca piana
e l’èrba
öbidiènta e quèta
a andane stréce
la se ’ncuana.

UN SOGNO DI RONCO E MIO PADRE

Sputa fuoco
l’estate
scotta i piedi
e batte la falce
che fa il verso
al grillo di ripa
inchiodato
appeso al suo nero filo
di fiato.

E’ agrodolce
in bocca
la cicca di acetosa
e l’erba è un disgelo
alta che mi svita gli occhi
riversi
sulle porte della talpa
sperduti
a ridosso dei sentieri misteriosi
della vipera corta e sottile
di ronco.

Marca alta
sull’arrotar della cote
la tua  voce
tenorina
che chiama.

La falce pare d’argento che infiamma.

Una mezza  mossa piana
e l’erba
ubbidiente e quieta
a file strette
si accovaccia.

Share.

Lascia un commento